Le mappe di carta sono morte (quasi), e anche quelle digitali in 2D non stanno molto bene :). Il futuro infatti sono le mappe 3D.

Mi riferisco ovviamente riguardo all’uso ludico-ricreativo. Ne sono convinto. Ecco un esempio: GeoFlyer Europa 3D è una app con cartografia 3D veramente molto valida, basata su una cartografia specifica come gCarta e i dati di OpenStreetMaps.

Leggere in un colpo d’occhio le mappe, cartecee o digitali che siano, non è così semplice senza una discreta esperienza. C’è gente che non distingue un impluvio da un crinale, non sa cosa siano le curve di livello e quindi se un sentiero sale o scende… La mappa 3D certamente non risolve tutti i problemi ma semplifica di molto la comprensione del territorio anche ai novizi.

Una app come GeoFlyer Europa 3D è certamente uno strumento utile a molti.

Le caratteristiche principali:

  • funziona anche senza connessione dati, scaricando preventivamente la zona che interessa
  • terreno 3D e 2D
  • ricerca luoghi per nome
  • registrazione/importazione ed esportazione tracce GPS
  • calcolo percorsi per pianificare gli itinerari ottenendo percorso, distanza, dislivello, tempo di percorrenza eccetera
  • importazione, esportazione e condivisione di tracciati e percorsi
  • grafici altimetrici e statistiche
  • carta topografica gCARTA realizzata ad hoc
  • modulo di realtà aumentata per identificare le cime circostanti

Particolarmente utile è il calcolo dei percorsi per fare delle valutazioni al volo dell’itinerario che abbiamo in mente: basta inserire il punto di partenza, i punti intermedi e il punto di arrivo e il software calcola il percorso fornendo dati come lunghezza, dislivello, tempo di percorrenza, grafico dell’altimetria eccetera. La traccia così ottenuta può essere salvata, condivisa eccetera.

Come sempre la tecnologia va usata cum grano salis: non è saggio affidarsi totalmente ad essa, specie quando riguarda una attività potenzialmente pericolosa come l’andare in montagna. Il cellulare può rompersi, o rimanere senza batteria, quindi avere con sé anche la mappa di carta (e saperla usare) è sempre una ottima idea.

Quasi tutti gli smartphone moderni hanno il problema della batteria che dura poco, difficilmente durano un giorno intero come succede per una escursione. Il GPS sempre attivo chiaramente consuma batteria perciò è necessario contenere il consumo energetico al minimo indispensabile. E’ consigliabile quindi togliere tutte le connessioni wifi, dati, bluetooth e mettere il telefono in modalità aereo e in risparmio energetico. Utile avere anche una batteria di riserva oppure, se il telefono non lo prevede, un “powerbank” per la ricarica.

GeoFlyer Europa 3D è disponibile sullo store di Google in versione “lite” di prova gratuita, oppure in abbonamento a € 0,50 /mese o licenza a € 7,99. Qui la versione per IOS.